Danno da superlavoro e infarto: la Cassazione chiarisce gli oneri probatori

La Corte di Cassazione ha recentemente fatto chiarezza in materia di danno da superlavoro, ossia il danno alla salute derivante da un’attività lavorativa eccedente la ragionevole tollerabilità. In particolare, le ordinanze si soffermano sugli oneri probatori in capo al lavoratore e al datore di lavoro in caso di infarto causato da turni e ritmi di lavoro intollerabili.

Onere probatorio del lavoratore

  • Prova del superlavoro: Il lavoratore che agisce in giudizio per ottenere il risarcimento del danno deve allegare lo svolgimento di prestazioni lavorative eccedenti un normale e tollerabile orario lavorativo.
  • Prova del nesso causale: Deve inoltre provare il nesso causale tra il lavoro svolto e il danno alla salute (temporaneo o permanente).

Non spetta al lavoratore

  • Specificare le omissioni datoriali in materia di sicurezza sul lavoro.
  • Allegare quali concreti svantaggi, privazioni ed ostacoli sono derivati dalla sua menomazione.

Onere probatorio del datore di lavoro

  • Prova della normalità del lavoro: Al datore di lavoro, invece, spetta l’onere di dimostrare che l’attività lavorativa si è svolta con modalità normali, congrue e tollerabili, tenendo conto della particolarità del lavoro, dell’esperienza e della tecnica.
  • Prova dell’assenza di nesso causale: Deve inoltre provare l’assenza di nesso causale tra il lavoro svolto e il danno alla salute del lavoratore.

Se avete bisogno di ulteriori chiarimenti, non esitate a contattarci ai contatti previsti nell’apposita sezione oppure a lasciare i vostri dati sul nostro sito, così da venire richiamati!

La pronuncia

La Corte di Cassazione ha ritenuto responsabile un datore di lavoro per l’infarto subito da un dirigente medico a causa di turni e ritmi di lavoro intollerabili.

La pronuncia della Corte di Cassazione in materia di danno da superlavoro rappresenta un passo avanti importante per la tutela dei lavoratori. Essa chiarisce gli oneri probatori in capo alle parti, facilitando l’accesso al risarcimento del danno per coloro che hanno subito un infarto o altri danni alla salute a causa di turni e ritmi di lavoro intollerabili.

Superlavoro

È importante sottolineare che la responsabilità del datore di lavoro non si limita ai casi di infarto. Anche altri danni alla salute, come lo stress lavoro-correlato, possono causare un risarcimento.

La tutela della salute e della sicurezza sul lavoro è un diritto fondamentale. La pronuncia della Cassazione rappresenta un importante strumento per far valere questo diritto e per ottenere giustizia in caso di danni causati da un superlavoro.

Vuoi prenotare una consulenza legale?

Inserisci qui sotto i tuoi dati per essere ricontattato e fissare un appuntamento direttamente con noi

Dove Siamo a Roma

Dove siamo fuori roma

Ⓒ Studio Legale Fratini D'Amico 2019 - All Rights Are Reserved

Please leave your contact information below to schedule an appointment with us

Inserisci qui i tuoi dati